Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti

Via Bardassano, 5 - 10132 TORINO - tel. 011/01138780


Notizie

27 gennaio - Giorno internazionale della Memoria

Oggi, 27 gennaio, ricorre l’anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche, avvenuto nel 1945. 

Si celebra oggi in tutto il mondo il Giorno della Memoria, per "ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati" (Art. 1 della Legge 111/2000).

Questa, nei fatti e nelle parole della Senatrice a vita Liliana Segre, allora bambina, la persecuzione fascista contro gli ebrei; ed era soltanto l’inizio.

 

Mi chiamo Liliana Segre, sono nata a Milano nel 1930 e a Milano ho sempre vissuto. La mia famiglia era ebraica agnostica, cioè non frequentavamo il Tempio o ambienti ebraici. Io ero una bambina amatissima, vivevo in una bella casa della piccola borghesia, insieme a mio padre e ai miei nonni paterni, in quanto la mia mamma era morta poco dopo la mia nascita. Mi ricordo la sera di fine estate del 1938: avevo fatto la prima e la seconda elementare in una scuola pubblica del mio quartiere, quando mio padre cercò di spiegarmi che siccome eravamo ebrei, non sarei più potuta andare a scuola. Quel momento ha segnato una cesura tra il prima e il dopo; era difficile per mio padre, con un sorriso commosso, spiegarmi quel fatto: io che mi sentivo così uguale a tutte le altre bambine, invece ero considerata diversa. Mi ricordo la fatica di dover cambiare scuola e di non dover dire mai niente nei primi giorni nella nuova scuola di quella che io ero al di fuori delle mura scolastiche. Le bambine con le quali ero stata a scuola nei primi due anni, quando le incontravo per strada, mi segnavano e dicevano che io non potevo più andare nella loro scuola in quanto ero ebrea. Io sentivo e vedevo quelle risatine e non capivo perché facessero così. Mi ricordo come cambiò la nostra vita: ad esempio suonavano alla porta, mia nonna andava ad aprire ed io dietro di lei; erano dei poliziotti che venivano a controllare i documenti. Mia nonna, piemontese, li faceva accomodare in salotto e offriva loro dei dolcetti e questi rimanevano spiazzati, in quanto dovevano trattarci da “nemici della patria”; noi che nella nostra famiglia avevamo avuto mio zio e mio padre ufficiali nella Prima Guerra Mondiale, loro che si ritenevano italiani, patrioti. […]

Gli anni di persecuzione si snodarono uno dopo l’altro, le leggi razziali fasciste erano così umilianti, perché avevano deciso che questa minoranza (35.000 – 37.000 ebrei italiani di allora) fosse declassata a cittadini di serie B. Era difficile essere cittadini di serie B, in una zona grigia come la nostra; la solitudine si faceva tangibile vedendo coloro che finora erano stati amici, allontanarsi da noi, perché è

sempre facile essere amici di chi è sulla cresta dell’onda, ma non di quelli che sprofondano inesorabilmente.

 

Vale la pena leggere l’intera testimonianza, che si trova qui:

 

https://www.unive.it/pag/fileadmin/user_upload/dipartimenti/DSLCC/documenti/DEP/numeri/n2/11-Testimonianza_Segre.pdf

 

Liliana Segre conclude così:

Ma se ogni tanto qualcuno sarà candela accesa e viva della memoria, la speranza del bene e della pace sarà più forte del fanatismo e dell’odio dei nostri assassini.

Siate voi, siamo tutti, oggi e domani, candela accesa e viva di questa memoria.

Buon rientro (con qualche avvertenza)

Da domani, giovedì 7 gennaio 2021, rientriamo tutti a scuola in presenza, comprese le seconde e le terze della scuola secondaria.

Il rientro avviene con le stesse modalità della ripartenza di settembre: uso continuato delle mascherine (che sono disponibili anche a scuola per sostituzioni nel corso della giornata), accurata igiene della mani, frequente ricambio d'aria (date le temperature invernali è consigliabile coprirsi bene) e distanziamento fisico.

Continua a essere necessaria la misurazione della temperatura, che non deve superare i 37,5 °C, da parte dei genitori, che comunicheranno sul diario l'avvenuto controllo.

Con queste necessarie precauzioni possiamo ricominciare tutti il nostro lavoro.

Buon rientro!

 

Allegati:
Scarica questo file (ordinanza1del2021.pdf)ordinanza1del2021.pdf[ ]171 kB

20 novembre: giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

 
In occasione della 31° Giornata Internazionale per i Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza presentiamo l'attività 1000 Gru per un Desiderio e un Diritto svolta da tutte le bambine e i bambini della scuola primaria Villata in collaborazione con UNICEF. 
La visione del video che racconta la realizzazione del progetto è stata scelta dal Comitato Provinciale UNICEF Torino come una delle iniziative per la celebrazione della ricorrenza del 20 novembre. 
Queste sono le nostre 1000 gru di carta simbolo del diritto alla pace dei bambini        https://youtu.be/uTbpLrDVu_Y
In allegato la locandina dell'iniziativa
Allegati:
Scarica questo file (1000_gru_20-11-2020.pdf)1000_gru_20-11-2020.pdf[ ]3168 kB

Nuovo DPCM - Informativa alle famiglie

La scuola è in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo DPCM e delle relative comunicazioni da parte del Ministero della Salute e della Regione Piemonte.

Si invitano le famiglie a consultare quotidianamente questo sito e il registro elettronico.

La circolare organizzativa per le lezioni è pubblicata in allegato. 

Nelle scuole dell’infanzia, in quelle del primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di I grado) e nei servizi educativi per l’infanzia le attività didattiche continueranno a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

 

Eppure soffia

 

Eppure il vento soffia ancora
spruzza l'acqua alle navi sulla prora
e sussurra canzoni tra le foglie
bacia i fiori li bacia e non li coglie

eppure sfiora le campagne
accarezza sui fianchi le montagne
e scompiglia le donne fra i capelli
corre a gara in volo con gli uccelli

 

(Pierangelo Bertoli, Eppure soffia)

Uso continuativo delle mascherine e ricambi d’aria

Dietro indicazione del Medico competente dell’Istituto, dr. Boario, a seguito del precipitare della situazione epidemiologica nel Paese e nella nostra Regione, chiedo ai docenti e a tutto il personale:

 

- di indossare continuativamente la mascherina all’interno della scuola e delle aule (salvo che in ambienti in solitudine) e

 

- di richiedere agli alunni di mantenere la mascherina correttamente indossata il più possibile quando seduti al proprio posto in aula.

 

Ribadisco infine, compatibilmente con le condizioni climatiche, l’importanza di effettuare la maggior quantità possibile di ricambi d’aria nelle classi e in tutti i locali della scuola frequentati da più persone.
 

La Dirigente scolastica

Prof.ssa Letizia Adduci

Chi Siamo

Calendario

Ultimo mese Febbraio 2021 Prossimo mese
D L M M G V S
week 5 1 2 3 4 5 6
week 6 7 8 9 10 11 12 13
week 7 14 15 16 17 18 19 20
week 8 21 22 23 24 25 26 27
week 9 28

Prossimi Eventi

Nessun evento

Accesso Utenti

Visitatori

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo